LA DISTORSIONE PORTA ALLA VERITA’ NELLA CAMPAGNA LOEWE

View Gallery
3 Photos
LA DISTORSIONE PORTA ALLA VERITA’ NELLA CAMPAGNA LOEWE
01 LOEWE Mens FW20_Adv Campaign

LA DISTORSIONE PORTA ALLA VERITA’ NELLA CAMPAGNA LOEWE
03 LOEWE Mens FW20_Adv Campaign

LA DISTORSIONE PORTA ALLA VERITA’ NELLA CAMPAGNA LOEWE
02 LOEWE Mens FW20_Adv Campaign

LOEWE presenta ,in anteprima le immagini dalla sua prossima campagna pubblicitaria, con  protagonista l’atleta e attivista Megan Rapino e in una serie di manifesti pubblicitari presenti in tutta Parigi.

La moda come forma d’arte è sempre precursore di tendenze di vita che pongono interrogativi e nuovi  messaggi  . Bellissimi corpi addobbati con altrettanti bei capi sono  la forma che   copre la sostanza che da quella luce e quel fashion che si vuole imitare e seguire.

La campagna popone un trittico di immagini (personalità, moda e prodotto) dove  il filo conduttore è la distorsione – dei tratti del viso, della postura dei corpi e della superficie degli oggetti.Distorsione intesa quindi come energia vitale sorprendente,movimento, cambiamento.

Lo scatto che rappresenta la personalità è un ritratto di Megan Rapinoe, professionista del calcio statunitense e capitano della squadra americana che ha vinto la Coppa del Mondo femminile FIFA 2019. L’acconciatura rosa, marchio di fabbrica di Rapinoe, è esaltata dalla solidità dello sfondo blu cobalto. Gli occhi sorridenti e l’accenno di linguaccia tra i denti vogliono riproporre la tipica smorfia facciale che l’atleta assume quando vince. Rapinoe affronta direttamente lo spettatore, lo invita a reagire. “Usa la tua voce. Parla con il cuore. Sii onesto. Scopri la verità e, anche se scomodo qualche volta, trovala, vivila, esprimila!” dichiara Rapinoe in For Real, la serie di cortometraggi legata alla campagna, diretta da Benn Northover.

E parlando dell’intero progetto dichiara ‘Sono al settimo cielo per questa partnership con LOEWE e Jonathan Anderson. Mondi diversi che collidono tra loro, creando qualcosa di più grande, ricco ed entusiasmante di quanto ciascuno dei due potrebbe fare da solo. Credo che l’obiettivo di una collaborazione non sia quello di starsene uno accanto all’altro, ma piuttosto quello di diventare qualcosa di diverso, insieme.’

La foto che rappresenta la moda è una distorsione con effetto grandangolo di un set austero, chiuso fra pareti grigie e arredato da un delizioso pianoforte trasparente: l’atmosfera è quella del teatro sperimentale. Il taglio dello sfondo, che rappresenta una novità per LOEWE, amplifica la distorsione spaziale. Tre modelli interagiscono all’interno di questa cornice chiusa.

Con i loro capelli ricci e i corpi snelli, danno l’impressione di essere la stessa persona, ma non è così. Due di loro indossano variazioni di un look identico – camicia intarsiata con cravatta, pantaloni, cintura in pelle a cascata – e camminano in direzioni convergenti. Il terzo è disteso sul pavimento e indossa un cappotto grigio, probabilmente un vestito. La situazione è simile a una performance, orchestrata attraverso posture esagerate, ma la narrazione è sospesa e sobria. Ad accompagnare ulteriormente il dinamismo della scena ci pensa una serie di cortometraggi che accompagna lo scatto.

L’immagine del prodotto è una pura rappresentazione della borsa Puzzle di LOEWE, realizzata in pelle di vitello marrone. L’evidente piega nella patta e le grinze sui lati comunicano l’idea di una borsa che è stata utilizzata, manipolata, vissuta.

 

 

Mostra social
Nascondi social