LE UOVA FABERGÉ. OGGETTI ICONICI, SIMBOLI DI LUSSO E OPERE D’ARTE

View Gallery
8 Photos
LE UOVA FABERGÉ. OGGETTI ICONICI, SIMBOLI DI LUSSO E OPERE D’ARTE
Enamel Workshop_by DH_DHP7870

LE UOVA FABERGÉ. OGGETTI ICONICI, SIMBOLI DI LUSSO E OPERE D’ARTE
10.Palais Tsarskoye Selo Turquoise Heart Locket Pendant 173FP2016

LE UOVA FABERGÉ. OGGETTI ICONICI, SIMBOLI DI LUSSO E OPERE D’ARTE
49011-9f22c2a540dadd59902eaf91d28a6beb3c906b45-story_inline_image

LE UOVA FABERGÉ. OGGETTI ICONICI, SIMBOLI DI LUSSO E OPERE D’ARTE
49013-01d319a9a32db36e1f716ca0c69316bf015ad346-story_inline_image

LE UOVA FABERGÉ. OGGETTI ICONICI, SIMBOLI DI LUSSO E OPERE D’ARTE
Uova-di-Faberge

LE UOVA FABERGÉ. OGGETTI ICONICI, SIMBOLI DI LUSSO E OPERE D’ARTE
uovo-Fabergè-con-una-miniatura-all’interno

LE UOVA FABERGÉ. OGGETTI ICONICI, SIMBOLI DI LUSSO E OPERE D’ARTE
thumbs

LE UOVA FABERGÉ. OGGETTI ICONICI, SIMBOLI DI LUSSO E OPERE D’ARTE

Dettagli precisi, e disegni artistici rendono queste uova creazioni annoverabili tra  i gioielli più iconici del mondo. Ma la smaltatura dietro ogni uovo è un particolare lavoro d’amore

Con la loro delicata smaltatura e superfici ingioiellate, sono immediatamente riconoscibili. Creato per le mogli e le madri dello Zar Nicola II e dello Zar Alessandro III per i regali di Pasqua, in origine furono realizzate 50 uova Fabergé . Il creatore di questi pezzi pregiati fu Peter Carl Fabergé, che rilevò l’attività di gioielleria di famiglia nel 1882.

Dopo la fatale caduta della famiglia Romanov durante la rivoluzione russa, le uova imperiali furono saccheggiate e disperse in tutto il mondo, creando una delle cacce all’uovo di Pasqua più intriganti di sempre. Alcune fanno parte di collezioni private, altre sono nei musei e altre ancora sono sparite senza lasciare traccia. Uno di questi, l’Imperial Fabergé Nécessaire, realizzato nel 1889, si sapeva fosse sopravvissuto alla rivoluzione e fu venduto nel 1952 da una famiglia di antiquari ad un misterioso acquirente contrassegnato solo come “uno straniero”. Dopodiché, non se n’è saputo più nulla. Questo uovo era tempestato di diamanti, rubini e smeraldi, ed era destinato a contenere accessori di bellezza, come forcine e pennelli per il trucco.

Il re britannico Giorgio V e la regina Maria erano grandi fan degli oggetti Fabergé e così, nel 1933, acquistarono tre splendide uova imperiali: l’Uovo delle colonne, l’Uovo cesto di fiori e l’Uovo mosaico. Le uova ora appartengono alla regina Elisabetta II, che possiede anche molti altri oggetti da collezione Fabergé tra cui ornamenti, scatole e cornici per foto.

Dopo un periodo inattivo, con il nome della maison venduta, il marchio di gioielli rinacque nel 2007 e da allora ha creato oggetti arti e gioielli con l’abilità della smaltatura. Tutte le uova della sua collezione Heritage subiscono questo processo, dopo essere state progettate dalla designer interna Liisa Tallgren.

La collezione Heritage si ispira agli originali gioielli ingioiellati di Fabergé. Ci sono altre opzioni: i clienti possono personalizzare un uovo, ad esempio, ricreandolo con un nuovo colore, oppure possono andare completamente su misura. L’anno scorso, la società ha ricevuto 450 richieste: circa una su cinque di solito porta a un progetto.

Artigiani e donne addestrati nella smaltatura, guilloché e incisione a mano creano le uova nei loro laboratori in Europa. Le uova vanno da £ 2.040 a £ 28, 200 di prezzo e richiedono alcuni giorni per essere realizzate, anche se alcuni dei progetti più ambiziosi possono richiedere anni. Con il motto dell’azienda “tutto è possibile” in mente, nel 2017 Fabergé ha collaborato a un uovo unico con i commercianti di perle del Qatar della famiglia Al Fardan, usando 20 artigiani, 139 perle bianche, 3.305 diamanti e una perla centrale da 12.17 ct.

l processo di smaltatura dei pezzi è altamente qualificato ed è un mestiere molto poco modificato dalle sue origini – il lavoro viene ancora fatto a mano utilizzando strumenti che non sarebbero stati fuori posto su una panchina da orafo 1.000 anni fa. I colori vengono creati aggiungendo minerali, come gli ossidi di metallo. Le abilità dello smalto sono sempre testate: i materiali non possono essere completamente controllati, quindi c’è sempre il rischio che il risultato finale sia inutilizzabile. “Devi tenere presente che lo smalto può rompersi se colpito contro una superficie dura, quindi anelli, braccialetti e pendenti che si trovano su una lunga catena potrebbero essere più a rischio”, afferma Tallgren.

“D’altra parte, i colori dello smalto non sbiadiranno nel tempo e non sono influenzati da sostanze chimiche quotidiane come quelle che si trovano nei profumi e nelle lozioni. Si tratta di un’operazione altamente qualificata, con la temperatura e i tempi nel forno che incidono notevolmente sul risultato finale. “

faberge.com

Mostra social
Nascondi social